Reverse engineering

Dopo aver effettuato la scansione tomografica di un componente (CT scan), è possibile ottenere un file CAD modificale. Per far ciò è, in primo luogo, necessario calcolare il contorno di tutte le features dell’oggetto sottoposto ad analisi, sia interne che esterne.
A questo punto si potrà estrarre un STL, formato mesh di superficie, che tramite altro software è tramutabile in un formato volumetrico quale STEP, IGES o formati propri dei più utilizzati modellatori 3D modificabili:
Vantaggi:
  • È possibile recuperare CAD di componenti andati persi;
  • È possibile fare il reverse di condotti interni come nell’esempio riportato;
  • I risultati possono essere utilizzati per una stampa in additive manufacturing.
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Sigla.com - Internet Partner