Prova di fatica su telaio bici

Scopo del test

Verificare la resistenza a fatica delle saldature effettuate sul telaio in alluminio di una bicicletta pieghevole elettrica per uso urbano.
Era necessario eseguire il test seguendo le prescrizioni in termini di numero di cicli e condizioni di vincolo descritte nello standard UNI EN ISO 4210-6. 
Come da specifica richiesta del committente, il carico minimo applicato doveva essere pari a 100 N mentre il carico massimo doveva essere settato a 1200 N.
La sollecitazione ciclica è stata applicata con frequenza pari a 10 Hz. 


Approccio e Soluzione

Per il set up della prova si sono utilizzati:
  • vincoli rigidi 
  • un vincolo carrello come descritto nella normativa di riferimento 
  • un attuatore pneumatico con cella di carico di 10 kN, collegato ad una centralina di controllo dedicata e programmato per lavorare in controllo di forza


Risultati

  • monitoraggio e registrazione andamento dello spostamento corrispondente al carico applicato.
  • rilevazione tramite software di eventuali rotture sviluppate durante il test, causate dal superamento dei limiti di spostamento impostati. 
Infine, prima della prova di fatica e al termine del numero di cicli previsto (500.000) sono state ispezionate le saldature mediante la tecnica dei liquidi penetranti per verificare l'eventuale presenza di cricche o fessurazioni.
 
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Insights

Effettuando un CND a lavorazioni meccaniche ultimate (su un campione) si riesce a risalire alla causa della formazione di un difetto?

Si, tramite failure analysis. Il cnd mette in evidenza il difetto e ne definisce le caratteristiche di posizione, forma e  dimensione. Le...

La morfologia della frattura cambia tra metalli e polimeri?

Si. In genere esistono morfologie caratterizzanti per i diversi materiali, sia essi polimeri, metalli o ceramici.
Sigla.com - Internet Partner
Contattaci per saperne di più o richiedere la tua analisi tomografica clicca qui X