Corrosione

La corrosione è la reazione chimica o elettrochimica tra un materiale solitamente metallico e il suo ambiente che determina il deterioramento del sistema e delle sue proprietà.
La corrosione, ovvero la interazione chimica (o elettrochimica) indesiderata e distruttiva di un materiale con l'ambiente, porta con frequenza a rottura in servizio di componenti metallici, o li rende suscettibili a rottura da parte di altri meccanismi. Tutte le reazioni di corrosione sono di natura elettrochimica e dipendono dal comportamento delle celle elettrochimiche sulla superficie metallica. Questo fenomeno vale anche per gli attacchi chimici generalizzati e uniformi, in cui gli anodi e i catodi delle celle sono numerosi, piccoli e raggruppati. Oltre a nozioni basilari di elettrochimica, però, l'analisi delle rotture per corrosione e l'adozione di misure correttive richiedono l'applicazione di alcuni principi di chimica e metallurgia.
Il tipo di corrosione, la sua velocità e la sua estensione sono influenzati dalla natura, dalla composizione e dall'uniformità (o non uniformità) dell'ambiente o della superficie metallica a contatto. Di solito, con il progredire della corrosione questi fattori non rimangono costanti, ma sono colpiti da variazioni esterne e da cambiamenti originati dal processo di corrosione stesso.
Altri fattori che hanno conseguenze rilevanti sui processi di corrosione sono i gradienti di temperatura all'interfaccia metallo/ambiente, la presenza di interstizi nel componente o montaggio, il moto relativo tra ambiente e componente e la presenza di metalli dissimili in ambiente di conducibilità elettrica. Le procedure di lavorazione e fabbricazione quali rettifica, trattamento termico, saldatura, lavorazione a freddo, stampaggio, foratura e taglio provocano cambiamenti localizzati o generali che, a vari gradi, incidono sulla suscettibilità alla corrosione.
L'applicazione specifica determina la quantità di metallo che un componente può perdere prima di essere considerato guasto per corrosione. In alcune applicazioni, specie in casi di corrosione uniforme, può essere tollerata una riduzione sostanziale dello spessore di un componente. In applicazioni in cui l'aspetto esteriore è importante, o quando lo scolorimento o la contaminazione di un cibo o altri prodotti sono inaccettabili, la dissoluzione di una minima quantità di metallo è già problematica.
Un intaccamento localizzato (ad es. corrosione puntiforme) può penetrare le pareti di serbatoi, tubature, valvole e organi collegati causando una perdita. Anche un intaccamento minimo e localizzato può originare tensioni o generare idrogeno sulla superficie metallica. La conseguenza potrebbe essere un guasto dovuto a meccanismi diversi dalla corrosione.

Esistono diversi tipi di corrosione:
> corrosione basica: è una forma di tensocorrosione che si incontra frequentemente in acciai al carbonio o acciai bassolegati espsti a soluzioni concentrate di idrossido a temperature tra i 200 e i 250 ° anche definito infragilimento caustico;
> corrosione fatica: la rottura prodotta dalla combinazione di tensioni variabili e di un ambiente corrosivo e che si manifesta per valori di carico massimo notevolmente inferiori rispetto a quelli richiesti per la propagazione di una sola cricca di fatica in assenza di ambiente corrosivo;
> corrosione filiforme: corrosione che avviene in componenti rivestiti sotto forma di microcricche casualmente distribuite;
> corrosione galvanica: forma di corrosione accelerata di un metallo a causa di contatti elettrici o metalli più nobili o conduttori non metallici in un elettrolita;
> corrosione generalizzata: forma di deterioramento distribuito più o meno uniformemente su una superficie;
> corrosione grafitica: corrosione di ghisa grigia nella quale la matrice metallica costituente è convertita in prodotti di corrosione che vengon a circondare le lamelle di grafite;
> corrosione interdendritica: attacco corrosivo che procede sul bordo delle dendriti. Generalmente si determina a causa di differenze locali di composizione nei getti fusi;
> corrosione intergranulare: forma di corrosione che si propaga lungo i bordi del grano;
> corrosione per correnti vaganti: forma di corrosione causata da correnti elettriche provenienti da una sorgente esterna;
> corrosione per crevice: corrosione localizzata di una superficie metallica su un'aera o in prossimità di un'area protetta dalla completa esposizione all'ambiente;
> corrosione selettiva: forma di corrosione che riguarda uno o più componenti di una soluzione solida.

 
Accreditamenti Aster Accredia Accredia Accredia Tuv Nord Nadcap Crit
Sigla.com - Internet Partner