Aspetti microstrutturali

La frattura fragile solitamente si propaga attraverso due modalità:
  1. clivaggio
  2. intergranulare
Siccome ognuno dei due meccanismi deriva da cause differenti è necessario andare ad esaminare la superficie di frattura per verificarne la morfologia e tale operazione è eseguibile ad ingrandimenti che richiedono l'impiego del microscopio elettronico a scansione.

La frattura per clivaggio è caratterizzata dallo slittamento dei cristalli lungo specifici piani cristallografici tagliando i bordi dei grani. Per questo motivo la frattura è anche detta "transgranulare" o "transcristallina".

Il clivaggio rappresenta la modalità più tipica con la quale si manifesta una frattura fragile. Nel caso in cui intervengano fattori esterni o agenti infragilenti generalmente la frattura fragile avviene con meccanismo intergranulare ovvero, la propagazione interessa i bordi dei grani. 
Sigla.com - Internet Partner